Home Campionato Serie A: come creare un sito web per gestire il Fantacalcio

Serie A: come creare un sito web per gestire il Fantacalcio

Fantacalcio

Il Fantacalcio è nato nel 1985 grazie all’idea di un giornalista italiano, Riccardo Albini, dopo aver effettuato una visita alla fiera dei videogiochi di Chicago. Albini pensò di applicare la stessa logica del fantasy football americano anche alla Serie A italiana. Così, la prima asta si tenne a Milano nel giugno del 1988 nel bar “La Goccia D’oro”. Il Fantacalcio divenne da quel momento una delle attività più seguite dagli appassionati di calcio.

Ma come è possibile creare un sito web per gestire il Fantacalcio? Esistono diversi provider, come SupporHost, ma innanzitutto occorre capire come si gioca e come funziona il Fantacalcio.

​Fantacalcio: come funziona

Per giocare al Fantacalcio non ci sono regole particolari, se non quella di trovare un gruppo di amici da sfidare. Per creare una sfida avvincente, inoltre, occorre seguire alcune indicazioni:

  • trovare almeno 8 amici con cui giocare, affinché il gioco possa essere più divertente;
  • cercare i nomi dei giocatori delle squadre, ad esempio, della Serie A;
  • controllare le notizie di calciomercato per rimanere aggiornati su pronostici, acquisti e scambi;
  • organizzare l’asta;
  • creare un girone.

L’obiettivo del gioco è ottenere più punti rispetto agli avversari alla fine della stagione calcistica.

​Fantacalcio: come si gioca?

Solitamente il numero discreto per costituire un team di Fantacalcio va da sei a dodici partecipanti. L’obiettivo del gioco è costruire una squadra con un tot di crediti iniziali che possono variare da 250 a 300 (meno sono, più il gioco sarà avvincente).

Una volta stabilito il credito prende avvio l’asta, dove chi offre di più si aggiudica il giocatore. Solitamente il prezzo varia anche in base al ruolo del giocatore: si va dai portieri a 3, gli attaccanti a 6, i difensori a 8 e i centrocampisti a 8.

Durante il weekend la squadra costituita viene schierata senza poter essere più cambiata dopo il fischio di inizio della partita. Per vincere occorrono furbizia, esperienza e un pizzico di fortuna.

​Come realizzare l’asta

L’asta del Fantacalcio è lunga e molto dura: avrete bisogno di molte ore per urlare tra amici e per terminare questo processo. Scegliete, quindi, un luogo tranquillo e cancellate tutti gli impegni per l’intero pomeriggio: sarete troppo impegnati per dedicarvi ad altro.

Innanzitutto occorrerà definire quanti fantamilioni avrà ciascun giocatore come budget di partenza. Per creare la propria rosa, poi, esistono due metodi: il mercato libero o l’asta. Dunque, se viene stabilito un budget fisso per l’acquisto dei giocatori, ognuno ne avrà a pari numero. Se invece si organizza un’asta, ogni calciatore sarà in dotazione a un solo giocatore.

​Vincere al Fantacalcio: il calcolo dei punti

Per vincere al Fantacalcio occorre aver guadagnato più punti degli avversari al termine della stagione calcistica, ma per capire chi ha vinto occorre prima saper calcolare i punti. Sommando il punteggio del giorno con quello delle settimane precedenti, si otterrà la classifica dei migliori giocatori di Fantacalcio.

Come si calcola il punteggio

  • VOTAZIONE SINGOLO GIOCATORE: ogni giocatore titolare (cioè scelto per giocare in quella giornata) riceve un voto sulla sua prestazione dato dal giornale di riferimento. Per ricevere un voto, un calciatore deve giocare almeno 15 minuti in totale nel corso di una partita.
  • GOL SEGNATO: + 3 punti.
  • RIGORE PARATO: + 3 punti.
  • RIGORE SEGNATO: + 2 punti.
  • ASSIST: + 1 punto.
  • GOL VITTORIA: + 1 punto.
  • AMMONIZIONE: – 0,5 punti.
  • GOL SUBITO: – 1 punto.
  • ESPULSIONE: – 1 punto.
  • AUTORETE: – 2 punti.
  • RIGORE SBAGLIATO: – 3 punti.

Chi vince, pareggia o perde (a sua volta) guadagna o perde punti come segue:

  • in caso di vittoria vanno segnati + 3 punti al giocatore;
  • in caso di pareggio, invece, va segnato + 1 punto al giocatore;
  • in caso di sconfitta, infine, vanno assegnati 0 punti al giocatore.
Articolo precedenteLe trattative più famose tra Napoli e Juventus
Articolo successivoCoppa Italia Juve-Inter, le parole di Pirlo: “La consideriamo una finale”